Cosa c'era in TV: The Golden Girls - Cuori senza età

venerdì, marzo 05, 2021

 

Oggi vi vorrei parlare di una serie TV del passato che ho "scoperto" alcuni anni fa e che mi ha letteralmente conquistato (e non sono la sola perchè ancora a decenni di distanza dalla sua messa in onda viene ancora trasmesso conquistando il cuore del pubblico). "The Golden Girls", in Italia è arrivato con il titolo "Cuori senza età" ed è andato in onda per dal 1985 al 1992 sulla emittente NBC, mentre a trasmetterlo in Italia dal 1987 è stata Rai Uno.

LA TRAMA

Quattro donne di mezza età condividono un appartamento a Miami: la padrona di casa è Blanche Devereaux, una vedova originaria della Georgia, a cui si uniscono due coinquiline, la vedova Rose Nylund proveniente da una cittadina pittoresca del Minnesota e la divorziata Newyorkese Dorothy Zbornak. A loro si viene ad aggiungere la madre di quest’ultima, Sophia Petrillo, dopo che Shady Pines la casa di riposo in cui viveva è stata distrutta da un incendio. Ogni giorno vivono avventure con gli spasimanti di turno, problemi sul lavoro, o vicende con amici e parenti venuti in visita.


COME TUTTO EBBE INIZIO

Brandon Tartikoff presidente della NBC, il canale del pavone, un pomeriggio mentre sta facendo zapping si imbatte nel film "Come sposare un milionario" nel quale Lauren Bacall, Marilyn Monroe e Betty Grable interpretano tre modelle che condividono un appartamento mentre cercano un marito (di questo film ve ne ho parlato qui). Ed è così che a Tartikoff viene l'idea di crearci una serie anche se ben presto si deve scontrare con il fatto che alle persone non sarebbe piaciuto, ed in particolar modo alle donne che negli anni '80 avrebbero trovato anacronistico il fatto che una donna potesse essere incompleta senza un marito. Poco dopo in occasione di una visita ad una zia in Florida rimane colpito dal rapporto irriverente che la donna aveva con le sue vicine e pensa che una versione "con donne di mezza età" possa funzionare. A dare il calcio d'inizio al progetto è però uno sketch della NBC del 1984 con protagoniste le due attrici Selma Diamond e Doris Roberts, che di anni ne hanno 59, che parlando della nuova serie di successo "Miami Vice" con i detective Don Johnson e Philiph Thomas, ne fanno una parodia intitolata "Miami Nice" in cui immaginano persone di una certa età che scelgono Miami per trascorrere la loro vecchiaia. 

Dopo aver constatato l'esserci un grande interesse da parte del pubblico la macchina della produzione si mette in moto. La sceneggiatrice Susan Harris è ben felice di accettare l'invito a scrivere questa serie in quanto considera che le persone di una certa età abbiamo "più storie da raccontare" e perchè costituiscano un segmento di pubblico che non ha una rappresentazione in cui potersi identificare nel palinsesto proposto dalle televisioni. Dopo aver cambiato il titolo in The Golden Girls (le ragazze d'oro), più intuitivo di "Miami Nice" (le carine di Miami), iniziano a prendere vita i personaggi. Dorothy Zbornak, il cui nome è un omaggio alla zia del marito della Harris e il cognome al suo assitente, è un'insegnante supplente di New York, divorziata, cinica e sarcastica. Rose Nylund è una vedova che lavora in un centro di consulenza sul dolore ed è estremamente ingenua e buona. Blanche Devereaux è una Southern Belle Una bellezza del Sud come Rossella O'Hara (di Via col vento) o Blanche Dubois (di Un tram che si chiama desiderio) entrambe magistralmente rappresentate sul grande schermo da Vivien Leigh. Originaria di Atlanta in Georgia (in una tenuta con annessa piantagione chiamata Twin Oaks "Le querce gemelle", chiaro riferimento alle "Dodici querce" di Via col vento). Sophia Petrillo è la madre di Dorothy che a causa di un incendio scoppiato nella casa di riposo in cui si trova, si trasferisce nella casa che la figlia condivide con le due amiche. È nata e cresciuta in Sicilia, poi emigrata a Brooklyn dove si è sposata con Salvatore Petrillo dal quale ha avuto 3 figli.


La prima attrice ad essere scritturata è la 62enne Estelle Getty che verrà invecchiata per interpretare Sophia. Ebrea di origine polacca la Getty da sempre ha la passione per la recitazione ma è arrivata al successo sul palcoscenico di Broadway solo nel 1982 a quasi 60 anni grazie allo spettacolo Torch Song Trilogy. Il successo le fa ottenere altre parti negli anni successivi e le permette di essere notata dai produttori di The Golden girls. Dopo la fine della serie la Getty ha preso parte a tutti gli show spin-off Cuori al Golden Palace, Il cane di papà, Corsie in allegria e altre serie televisive in cui è comparsa come guest-star tra cui Blossom, Il tocco di un angelo e alcuni film tra cui Tootsie accanto a Dustin Hoffman e Fermati o mamma spara dove veste i panni della madre di Sylvester Stallone.



Cercando le interpreti delle coinquiline di Sophia, i produttori pensano a Betty White che si è distinta nel Mary Tyler Moore Show interpretando la casalinga ninfomane Sue Ann Nivens, e la vedono come possibile Blanche. Inoltre pensano a Rue McClanahan, che ha vestito i panni della docile Vivian Harmon nella serie Maude (in italiano Una signora in gamba) andata in onda dal 1972 al 1978 con protagonista Bea Arthur. Entrambe le attrici però non vorrebbero riprendere gli stessi ruoli interpretati in passato e così dopo aver letto il copione chiedono, con il benestare della produzione, di poter provare la parte destinata alla collega e Boom. Con il "Golden Switch", lo scambio dorato, Betty White diventa Rose e Rue McClanahan diventa Blanche.


Ci credereste che l'interprete di quella che a tutti gli effetti è la protagonista della serie, Dorothy, sia stata in realtà scelta per ultima? Susan Harris mentre scrive la sceneggiatura ha un solo nome in mente, Bea Arthur con la quale ha già lavorato nella sit-com Maude. Il problema è che l'attrice non sembra assolutamente interessata. Inoltre i produttori spingono per avere l'attrice di Broadway Elaine Stritch. Durante il provino la Stritch è molto nervosa, propone cambiamenti al copione, commette una serie di errori e la performance non risulta all'altezza. L'emittente NBC ha delle perplessità sull'affidare una nuova parte a Bea Arthur in quanto il suo personaggio in Maude era molto irriverente e controverso (aveva il cosiddetto Q rating, un livello basso di gradimento al pubblico), ed è allora che Susan Harris chiede a Rue McClanahan di chiamare Bea e chiederle di considerare il progetto. La risposta di Bea è "Rue, non ho intenzione di ricreare Maude e Vivian che incontrano Sue Ann Rivers", riferendosi ai personaggi interpretati in passato dalle tre attrici, e Rue la informa dello scambio per cui lei interpreterà la Vamp e la White sarà la svampita. Ed è così che Bea Arthur diventa Dorothy Zbornak. 

Anche per questo show viene usato il sistema collaudato della doppia registrazione: una prima versione della puntata, chiamata "dress up", viene registrata di fronte ad un pubblico; poi gli autori rivedono le parti che potrebbero essere risultate piatte, consegnano le nuove battute al cast e in serata viene registrata una seconda versione davanti ad un pubblico differente. Già dalla prima registrazione sono evidenti due cose: il pubblico è in delirio, il che fa ben sperare per il successo dello show, e le risate più grosse arrivano alle battute di Estelle Getty che fa promuovere il suo personaggio da Guest-Star ricorrente a co-protagonista.

Durante gli Upfronts della NBC, lo show nel quale vengono presentate le nuove serie che riempiranno il palinsesto televisivo, viene trasmessa un'anteprima di The Golden Girls che ottiene subito una standing ovation con conseguente sottoscrizione di altri 12 episodi.

Il 14 Settembre 1985 è il giorno della Premiere. La NBC ha deciso di collocare lo show alle 21 del sabato sera, una scelta molto ardita considerando che a quell'ora e di quel giorno molta gente è fuori casa. Lo show stabilirà un record come debutto di maggior successo dai tempi del 1974 di Chico and the man. Il test sul pubblico supera ampiamente le aspettative, raccogliendo oltre al target degli over 50, anche i più giovani dai 18 ai 49.

La serie fin da subito si confronta con argomenti molto controversi all'epoca come matrimoni omosessuali, l'AIDS, l'immigrazione, matrimoni interrazziali, problemi con la droga, il gioco d'azzardo, la malattia, molestie sessuali, e aprirà la strada ad altre serie di successo degli anni '90 e '2000.  Per non parlare dello sdoganamento della sessualità vissuta da tre donne non sposate e di una certa età.

Una grande estimatrice della serie è la Regina Madre d'Inghilterra, madre dell'attuale sovrana Elisabetta II e le "Golden Girls" hanno modo di esibirsi a Londra di fronte alla Famiglia Reale al Royal Variety il 23 Novembre del 1988. Alla prima battuta spinta segue un momento di silenzio nel quale tutti gli spettatori guardano la Regina Madre per vedere la sua reazione: la Regina si copre la bocca con la mano dando il suo "benestare" alla conseguente risata fragorosa del pubblico.

La serie viene trasmessa per 7 stagioni senza perdere smalto e il gradimento del pubblico. All'inizio delle riprese della 7a stagione l'attrice Bea Arthur manifesta il desiderio di lasciare la serie per dedicarsi ad altri progetti e questo porta alla conclusione della serie originale. Pare che la Arthur e la White non andassero molto d'accordo, soprattutto per il diverso approccio alla recitazione: la Arthur veniva dal teatro e credeva fortemente nella preparazione mentre la White, più abituata ai ritmi televisivi e il contatto con il pubblico, spesso improvvisava o si rapportava con il pubblico. Comunque tutte le protagoniste hanno dichiarato in interviste successive di essersi trovate bene sul set e conservarne un buon ricordo. Eccovi un video girato sul set durante le riprese dell'episodio di Natale in cui Blanche regala alle sue amiche un calendario intitolato "Il Budoir di Blanche" con tutti i suoi amanti. In preparazione a questa scena per scaldare l'umore delle attrici, la produzione ha pensato di inserire a sorpresa nel calendario foto osè dei membri della troupe, scatenando le risate delle "Golden Girls".

The Golden Girls riceve 68 Nomination agli Emmy Awards, vincendo ben 11 statuette, 4 Golden Globe, 2 Viewers for Quality Television Awards. Tutte e 4 le protagoniste hanno vinto un Emmy (gli unici altri show in cui questo è accaduto sono All in the Family, Will & Grace and Schitt's Creek).

 

Nel 1992 la CBS trasmette uno spin-off, uno show nato dalla "costola" di The Golden Girls, dal titolo "The Golden Palace " (in Italia "Cuori al Golden Palace") con protagoniste le altre tre attrici, Betty White, Rue McClanahan ed Estelle Getty, ambientato sempre a Miami. Questa volta le tre donne hanno deciso di lasciare il loro appartamento per prendere in gestione un hotel, il Golden Palace. La prima stagione è costituita da 24 episodi e sebbene le protagoniste siano state assolutamente all'altezza, per i bassi ascolti ottenuti nella seconda parte della stagione, lo show non verrà rinnovato. In due episodi Bea Arthur torna a vestire i panni di Dorothy come special guest.



I COSTUMI
La costumista della serie Judy Evans pensa di caratterizzare ognuna delle 4 protagoniste con un guardaroba che rifletta la loro personalità. Per Blanche scegle un look sexy, fluido e morbido, caratterizzato da colori spesso brillanti. Rue McClanahan ottiene una clausola nel contratto che le consentirà di tenere i vestiti indossati nella serie.
Per Dorothy invece si opta per uno stile sartoriale e composto, con capi spesso over, camicie e maglioni molto lunghi, abiti stile tunica, pantaloni o gonne lunghe e sandali (venendo incontro alla Arthur che non ama indossare scarpe chiuse). Quasi tutti i suoi capi sono stati realizzati su misura a causa dell'altezza dell'attrice, 1 metro e 77 cm. I colori sono spesso pastello e neutri.
 
Su Rose si è scelto un look a metà strada tra il casalingo e il campagnolo, con colori tenui e delicati. Per lei sono stati anche scelti maglioni estremamente caratteristici con animaletti, arcobaleni e fiori per trasmettere la sua solarità. I suoi abiti più formali sono quasi sempre tubini o abiti a portafoglio.
Infine per Sophia è stato preferito un guardaroba più consono alla sua età, abiti comodi, spesso corredati da cardigan e colletto della camicia a vista, e dall'immancabile, nonchè iconica, borsa di paglia con i manici in plastica, che è stata scelta personalmente dalla Getty.

 
Anche le camicie da notte riflettono lo stile delle protagoniste.
 

LA CASA

La serie è principalmente ambientata nell'appartamento che le quattro donne condividono. Per gli esterni è stata utilizzata una vera casa che si trova 245 North Saltair Avenue a Los Angeles (nella serie invece l'indirizzo è 6151 Richmond Street a Miami). Negli anni seguenti le riprese sono state effettuate al MGM Studios Theme Park di Walt Disney World a Orlando in Florida, dov'è stata ricreata una copia dell'esterno della casa di Los Angeles. 


Gli interni invece sono stati realizzati negli Studi della NBC. Lo scenografo dello show Ed Stephenson ha arredato la casa seguendo il "Look Florida" molto in voca in quegli anni: le porte, le colonne e gli elementi architettonici sono stati dipinti per ricreare l'aspetto del legno di cipresso (molto usato nelle case della Florida meridionale), mentre per i mobili è stato scelto il rattan e per i tessuti delle fantasie tropicali. 

Il fulcro della casa è rappresentato dal soggiorno nel quale avviene gran parte dell'azione, dall'accoglienza degli ospiti alle discussioni tra le protagoniste, e la cucina, diventata poi iconica, nella quale le 4 donne si ritrovano a scambiarsi confidenze accompagnate da una fetta di cheesecake (che peraltro l'attrice Bea Arthur ha dichiato di non sopportare). 

 


Occasionalmente compaiono le camere delle protagoniste: la più caratteristica è quella della padrona di casa Blanche, caratterizzata da una carta da parati con foglie tropicali che riprende lo stesso motivo nel letto e nei tessuti della camera. Quelle delle altre tre protagoniste sono più semplici, con tenui colori pastello, anche se spesso a causa di ospiti che si trattengono la notte, sono costrette a dormire insieme nello stesso letto.

Il bagno compare in rare occasioni, tra cui ne ricordo una in cui per risparmiare sul preventivo proposto da un idraulico, Rose decide di fare da sola, con risultati deludenti.

Il lanai, ovvero il portico, è il luogo dedicato al relax e alle feste.

LE GUEST STAR

Sono numerose le Star del mondo dello Spettacolo che sono apparse in questa serie, alcuni interpretando se stessi come Burt Reynolds, Bob Hope (che oltretutto Rose crede sia suo padre) e Julio Iglesias, ma ancora di più sono le celebrità che hanno interpretato personaggi inventati: David Wayne che veste i panni del padre di Blanche, Mickey Rooney che interpreta Rocco uno spasimante di Sophia, un giovane George Clooney che veste i panni di un detective, Dick Van Dyke che invece è un avvocato che corteggia Dorothy, Debbie Reynolds nei panni di una nuova possibile coinquilina, un giovanissimo Mario Lopez che è uno studente che prende a cuore Dorothy, Don Ameche che si scoprirà essere il padre di Rose, Jerry Orbach, Fred Willard, Nancy Walker e tanti altri.

Tra gli interessi amorosi più duratori delle protagoniste troviamo l'ex marito di Dorothy, Stan, interpretato da Herb Hedelman (attore che a preso parte a diversi film di successo come La strana coppia e A piedi nudi nel parco) e il fidanzato di Rose, Miles, interpretato da Harold Gould (che avrete visto ne La stangata e Prima pagina).

Insomma forse avrete capito che questa serie mi è proprio piaciuta tanto. Ovviamente per una questione anagrafica non sono riuscita a vedere l'originale messa in onda, ma alcuni anni fa l'ho scoperta e non l'ho più lasciata andare, è proprio una serie terapeutica che fa bene allo spirito e fa ridere di gusto.  Per quanto siano state molto brave le doppiatrici che nella versione italiana hanno prestato loro la voce, non c'è paragone con la versione originale, soprattutto per quanto riguarda le battute irriverenti di Dorothy e Sophia.


LE MIE SCENE PREFERITE

Di questa battuta ahimè non ho trovato un video. Dopo aver subito un furto in casa Blanche esce dalla cucina sporca di polvere bianca dicendo "Hanno preso i miei gioielli" e Dorothy "Ma vedo che ti hanno lasciato la cocaina". In realtà Blanche si era tuffata nel barattolo della farina dove aveva nascosto i propri gioielli.


Blanche incontra il fidanzato di Rose, ignorando sia affetto da nanismo, e crede sia uno scherzo


 

In seguito alla morte di una loro vicina di casa non troppo simpatica, le Golden Girls si recano alle Onoranze Funebri per organizzare il suo funerale. Il proprietario si chiama Pfeiffer (e la P non muta genera molta ilarità).


 

Dopo aver perso l'incontro Burt Reynolds a cui è potuta andare solo Sophia, le altre tre non riescono a credere che quest'ultima lo abbia davvero conosciuto. Dovranno ricredersi...


 In previsione di una crociera le Golden Girls decidono di prendere al supermercato dei preservativi. L'ingenuità di Rose farà esplodere Dorothy. Le risate sono assicurate.


 Quando Dorothy dice a Blanche la sua sua amica è lesbica quest'ultima risponde "Non ne ho mai conosciuto uno ma non lo è anche Danny Thomas?" E Dorothy risponde "Non Libanese, Lesbica!"


 

DOVE VEDERLA?

Se avete voglia di vederla esistono tutte le stagioni in dvd, di cui shimè solo le prime tre in italiano. Vi metto il link in caso foste interessati.

Questo è il link alla serie completa (di cui solo le prime tre stagioni presentano la lingua italiana)

Altrimenti le singole stagioni sono queste:


la Prima che trovate qui

la Seconda che trovate qui

la Terza che trovate qui

You Might Also Like

1 commenti

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina