L'angolo dei film: La Strana Coppia

venerdì, febbraio 05, 2016

La Strana Coppia (titolo originale The Odd Couple) è una commedia brillante del 1968 diretta dal regista Gene Saks con protagonisti Jack Lemmon e Walter Matthau, i quali avevano già lavorato insieme due anni prima nel film Non per soldi ma per denaro (The Fortune Cookie), e che insieme gireranno altri 8 film.

Si tratta del riadattamento dell'omonima commedia teatrale di Neil Simon che si era ispirato all'esperienza vissuta da suo fratello Danny trasferitosi da un amico dopo che entrambi avevano divorziato, e che avevano finito per odiarsi e trattarsi come le rispettive ex mogli. Lo spettacolo aveva debuttato al Plymouth Theatre di Broadway il 3 ottobre del 1965, con protagonisti Art Carney (Felix) e Walter Matthau (Oscar) ed era stata replicata ben 966 volte. Lo spettacolo fu nominato all'edizione del 1965 dei Tony Awards come Migliore Opera, Migliore Autore Neil Simon e Migliore Attore Walter Matthau, e furono questi ultimi due a vincere la statuetta.
Cerimonia dei Tony Awards: Walter Matthau, Irene Worth, Liza Minnelli e Zero Mostel.
Neil Simon volle che a interpretare Oscar fosse proprio Matthau (anche se per un breve momento furono presi in considerazione Jackie Gleason e Mickey Rooney), ma per interpretare Felix, Simon pensò che Jack Lemmon fosse una scelta migliore di Carney in quanto più conosciuto e fotogenico, anche se si pensò pure agli attori Dick Van Dyke e Tony Randall. Matthau chiese a Simon di interpretare il ruolo di Felix poichè la sua personalità era troppo simile a quella di Oscar quindi troppo facile per lui  mentre Felix rappresentava una bella sfida per un attore, ma Simon gli rispose "Walter se devi fare l'attore fallo nella commedia di qualcun'altro. Ti prego, nella mia fai Oscar".

La colonna sonora del film è curata dal celebre compositore jazz Neal Hefti (che aveva realizzato la colonna sonora anche nel film A piedi nudi nel parco di cui ho parlato qui), il quale ha realizzato il famosissimo tema strumentale dei titoli di testa e che si ripete nel film.

Proiettato al Radio Music Hall il film fu trasmesso per 14 settimane di fila stabilendo un primato. Il film riceve tre nomination ai Golden Globe per Miglior commedia, Miglior attore in una commedia sia per Walter Matthau che per Jack Lemmon, e due nomination agli Oscar come Miglior Sceneggiatura non originale e Miglior Montaggio, ma purtroppo non vinse neanche una statuetta.

La trama in breve: Oscar Madison e Felix Ungar sono due amici che non potrebbero essere più diversi. Felix è un maniaco della pulizia, dell'ordine e della precisione, mentre Oscar è un burbero disordinato. Hanno però una cosa in comune: sono entrambi divorziati. Se Oscar lo è già da diversi mesi e si è del tutto abituato alla nuova vita da scapolo, Felix invece lo è appena diventato ed è in forte stato di shock, tanto che i suoi amici del poker temono possa fare qualche sciocchezza (dato che è lo stesso Felix ad averlo lasciato intendere, ed è troppo comica la scena in cui entra nella camera d'hotel che ha prenotato e la sua intenzione è gettarsi dalla finestra, ma non riesce ad aprirla e si stira pure la schiena). Scampato il pericolo, Oscar propone a Felix di trasferirsi a vivere da lui, anche se ben presto si pentirà di tale decisione.

Nel 1970 ne viene realizzata una serie televisiva, con Tony Randall nei panni di Felix e Jack Klugman in quelli di Oscar, insieme a tre attori che erano presenti anche nel film: John Fiedler che ricopre sempre il ruolo di Vinnie, e le attrici Monica Evans e Carole Shelley che interpretano le sorelle Cecily e Gwendolyn Piccioni. La serie andò in onda sul canale ABC per 5 stagioni fino al 1975.





Nel 1998 viene realizzato un sequel dal titolo La strana coppia II, dove si riunisce la coppia Lemmon Matthau, e riprende la loro storia 30 anni dopo, quando Oscar e Felix, ormai persi di vista, si ritrovano in occasione del matrimonio dei loro due figli che si sposano tra di loro. I due si mettono in viaggio e gliene succedono di tutti i colori. E' uno dei film che mi fa più ridere in assoluto (insieme alla Famiglia Passaguai è un vero anti-tristezza), su cui scriverò un post apposito.

All'inizio del 2015 sul canale CBS ha debuttato una nuova versione della serie televisiva, ambientata ai giorni nostri, dove Oscar è Matthew Perry (il mio amato Chandler di Friends) e Thomas Lennon è Felix. Nel cast ci sono anche Yvette Nicole Brown che interpreta l'assistente di Oscar e Lindsay Sloane che è Emily la loro vicina di casa (che ho subito riconosciuto essere Valerie l'amica di Melissa Joan Hart in Sabrina vita da strega).






CHICCHE:
In un primo momento a curare la regia e la sceneggiatura doveva essere Billy Wilder.
Monica Evans e Carole Shelley doppiarono le oche Adelina e Guendalina nel cartone animato Disney del 1970 Gli Aristogatti.
La scena della partita di baseball è stata filmata il 2
 giugno 1967 allo Shea Stadium poco prima della partita in programma tra i New York Mets e i Pittsburgh Pirate.
L'American Film Institute ha messo questo film al 17esimo posto della classifica delle Commedie più divertenti. 

QUOTES:

Vinnie: Che ore sono?
Speed: Ci risiamo con "che ore sono"
Vinnie: Il mio orologio va male: che ore sono?
Speed: Vinci 95 dollari, ecco che ore sono!

Oscar (al telefono): Come va figliolo? Sì ho ricevuto la tua lettera, ci ha messo tre settimane. La prossima volta di' a mamma di darti un francobollo. ... Sì lo so tesoro, ma non basta farci il disegno.

Speed: Io vado a casa! Il giorno in cui il suo matrimonio è finito sono finite anche le nostre partite!
Oscar: Speed, aspetta un momento, non puoi andar via ora, io perdo un sacco!
Speed: La colpa è solamente tua e di nessun altro! Sei stato tu a impedirgli di ammazzarsi!

Felix: Un consulente matrimoniale mi cacciò dal suo ufficio, scrisse sulla mia scheda "Alienato"
Oscar: Non è mai uno solo che rovina un matrimonio.
Felix: Tu non sai com'ero a casa mia. Io sono fissato per la pulizia, pulivo dove già aveva pulito Frances. E andavo sempre in cucina a ricuocere i suoi piatti perchè sono anche molto migliore di lei a cucinare. L'ho cotto proprio bene il mio matrimonio.
Oscar: Tu credi di essere un marito impossibile? Blanche mi chiedeva sempre "A che ora vuoi cenare?" e io dicevo "Non lo so, non ho fame" poi alle tre del mattino la svegliavo e le dicevo "Adesso".

Felix: Non pretendo mica che tu mi aiuti. Tu non devi pulire niente.
Oscar: Tu fai di peggio. Vieni nella mia stanza da bagno a riappendere i miei asciugamani, ogni volta che fumo mi vieni dietro con un portacenere, ieri notte ti ho trovato in cucina a lavare il pavimento scuotendo la testa brontolando "Pedate sempre pedate"
Felix: Non ho detto che erano tue.
Oscar: Ma erano le mie accidenti. Ho dei piedi che lasciano impronte, cosa dovrei fare arrampicarmi sui mobili?

Felix: Ora sono le 8 la cena è pronta e il polpettone è cotto, e se non lo mangiamo entro 15 secondi il polpettone si rinsecchirà tutto.
Oscar: Dio mi salvi.
Felix: Se proprio vuoi scomodarlo digli che salvi il mio polpettone.
Oscar: Continua a versargli sopra il sugo.
Felix: Quale sugo?
Oscar: Non c'è un po' di sugo?
Felix: E dove lo trovo il sugo alle 8 di sera?
Oscar: Non lo so credevo venisse fuori cucinando la carne
Felix: Viene fuori cuocendo? Ma tu parli perchè hai la bocca. Non capisci niente perchè il sugo bisogna farlo, non viene fuori. Non sapevi nemmeno dov'era la tua cucina finchè non ti ho insegnato io la strada. (gli punta contro un utensile)
Oscar: Senti se vuoi parlare con me amico metti giù quel mestolo.
Felix: Mestolo? Ha ha questo è un ramaiolo brutto ignorante! Non sai neanche che questo è un ramaiolo!

Oscar: Tutto quello che fai mi irrita. E quando non ci sei mi irrito pensando a quello che farai quando torni. 

Felix: (a Oscar) Ciao Frances!
Oscar: Ciao Blanche!

CLIP:

Partita a Poker

Pillole

Le manie di Felix


Nuove abitudini di gioco

Cena per 4

Le sorelle Piccioni

Le linguine
 Esaurimento

You Might Also Like

1 commenti

  1. Forse lo troverai utile https://altadefinizioneita.co/ Il sito è davvero interessante e può tornare utile. per me è personalmente perfetto in tutti i sensi.

    RispondiElimina